Archivi tag: scauri

Filippo Signore su Alfonso Artone

Scauri, 26 Giugno 2009

Mi complimento con Alfonso Artone per il suo primo romanzo, che ho letto con particolare piacere, anche perchè è scritto in una prosa gradevole e coinvolgente. E non è poco alla luce dell’inflazione di scrittori e di opere non sempre obiettivamente accettabili.

Il suo libro è un giallo che reca un messaggio di alto significato morale, in quanto riguarda il rispetto della vita e di principi bioetici. Condivido pienamente la citazione  nella presentazione, a pag. 11, del pensiero di Karol Woytila, il quale afferma che la ricerca scientifica non può essere esente da imperativi morali.

Al giovane scrittore rinnovo i complimenti più sinceri e auguro successi sempre maggiori

Filippo Signore

Presidente Istituto Culture e Società

Nuova Università degli Studi del Golfo

Formia

Acquista ora l’ebook de “gli Angeli di Rock Castle”

AAA Pendolare cerca lavoro a Minturno, per poter crescere i propri figli nel luogo che ama

Ho viaggiato con loro tutte le mattine, e tutte le sere, per quasi vent’anni.

Sono uno di loro.

Siamo in gran parte professionisti stimati nei nostri posti di lavoro per la nostra efficienza, con curriculum da far invidia a moltissimi.  Siamo bravi insegnanti che si fanno amare dai propri alunni ed apprezzare dai colleghi. Siamo valorosi impiegati con coefficienti di produttività quasi “giapponesi”, nonostante le 4 ore e mezza “perse” in treno (+ ritardi).  Siamo militari, mercatari, funzionari di ministero, imprenditori, informatici, tecnici, operai.  Sicuramente  siamo tra le persone che amano di più il nostro territorio, poiché facilmente avremmo potuto trasferire la nostra dimora altrove, ma abbiamo scelto di stare nel luogo che amiamo, nonostante tutto e nonostante tutti.

Eppure un lavoro per noi pendolari, qui a Minturno non c’è.

Non c’è perché il lavoro manca, e quel poco che c’è è riservato ai raccomandati, a chi lo ha ereditato,  o ai pochi coraggiosissimi che hanno osato avviare una attività dalle nostre parti senza incentivi (avendo spesso il “cuscino” di mamma e papà sempre pronto ad ammorbidire eventuali  fiaschi, oppure la disperazione di chi non ha nessun’altra alternativa ).

Quel poco lavoro che non risponde a queste caratteristiche, è precario, ipersfruttato, sottopagato.

AAA Pendolare Cerca lavoro a Minturno. Ottime referenze.

 

Articolo Comparso su Minturnet il 27/07/2012

Minturno – Scauri, ore 6:20 a.m.

Minturno,  una giornata qualunque di maggio, ore 6:20 La stazione di Minturno – Scauri brulica di gente. Una buona parte di questa, prenderà il treno per Napoli Centrale. Facendo un rapido conto, mi sembra di vedere circa 100 persone sul binario, più diverse altre appollaiate sopra le scale. Il treno per Napoli delle 6: 24 è insolitamente puntuale. Anzi, quasi puntuale, poiché porta solo 3 minuti di ritardo. “Siamo in Italia, quindi è in orario” sento qualcuno dire dietro di me, come se mi avesse letto nel pensiero. In ogni caso, arriverà prima del mio treno, previsto per le 6:23 e in ritardo di 5 minuti, così come recita il sito “viaggiatreno” che consulto dal mio cellulare, nella speranza che sia sincronizzato con il database di trenitalia … perché – capita anche questo a noi pendolari – si può perdere un treno perché ci si è fidati dei ritardi dichiarati in tempo reale sul sito “viaggiatreno”. Mai fidarsi dei siti di trenitalia, l’ho imparato sulla mia pelle. La gente sale sul treno per Napoli, che riparte con un po’ di difficoltà alla volta del capoluogo Partenopeo. Restiamo sul binario in sessanta persone circa: avevo sottovalutato i pendolari Romani, evidentemente, oppure qualcun altro è arrivato all’ultimo momento: è prima mattina, qualche minuto di sonno in più, non guasta mai. “Sta arrivando la gente del 6:30” sento dire invece alle mie spalle: era quella la ragione della piccola folla. Il “6:30” o “2380” per i tecnici, è denominato anche il “treno sfigato”. 1 ora e 54 minuti se tutto va bene per arrivare a Roma Termini. Fa tutte, ma davvero tutte le fermate, e viene sorpassato da qualunque treno: una volta anche (non è una battuta) da un treno merci. Accadde  a Torricola, alle porte di Roma, quando già ci sembrava di veder comparire la capitale all’orizzonte. La gran parte dei pendolari presenti sul marciapiede sono insegnanti, ma ci sono anche tanti militari, e diversi altri professionisti. Poi c’è qualche genitore che raggiunge i propri figli a Roma, e qualcun altro, soprattutto anziani,  che raggiunge i propri cari ricoverati negli ospedali della capitale. Il treno che prenderò è il “2416”, ed è uno dei famosi “interregionali” che fermano a Minturno – Scauri da un paio d’anni, grazie ad una petizione che, fortunatamente, ebbe un notevole successo e fu “ascoltata” da chi di dovere. In teoria, con 1 ora e 30 sarò a Roma. Da quando il treno ferma a Minturno, ogni giorno però sembra perdere una carrozza e per questo diventa sempre più affollato. Tra noi pendolari, scherziamo sul fatto che prima o poi vedremo arrivare solo il locomotore cavalcato dal capotreno. Il “2416” passa davanti a noi e i freni stridono. Allunghiamo lo sguardo: sono poche carrozze, tanto per cambiare. Insieme al mio gruppetto di amici pendolari, getto uno sguardo per cercare di capire in quale carrozza ci sono più posti liberi, se ce ne sono. C’eravamo posizionati “lato Napoli” ma, manco a dirlo, qualche posto è nella seconda carrozza “lato Roma”. “Ci sono troppi posti: probabilmente quella carrozza ha qualcosa che non va” scherzo (ma non troppo), con i miei amici, mentre insieme a loro corro verso l’estremità nord del marciapiede, inseguendo i fantomatici posti liberi. “Credo che sia la stessa carrozza di ieri, ha i finestrini rotti” mi risponde uno dei miei amici. Il treno si ferma, ma le porte non si aprono. I colleghi pendolari dall’altra parte del finestrino, ci guardano sconsolati: il treno era puntuale (secondo i canoni Italiani), ma ora, per “colpa” delle porte, resterà fermo alla stazione di Minturno per almeno 10 minuti, passati i quali  finalmente ci farà salire.. Forse. Nel frattempo, inizia a piovere. “Non sono ancora partito per Roma, e già sono stanco” penso tra me e me. Alfonso Artone Pubblicato su Minturnet